NataleRicette delle Feste

Cavallucci Marchigiani

Cavallucci MarchigianiCavallucci Marchigiani

Cavallucci Marchigiani sono dei dolci tipici del periodo natalizio delle Marche e più precisamente della zona di Cingoli, Apiro, Macerata… Sono chiamati cosi perché con la loro forma ricordano il dorso del cavallo. Sono dei dolcetti molto sostanziosi e “calorici” ma durante il periodo natalizio è impossibile farne a meno. Il loro ripieno consiste dal mix di sapa (o saba , mosto cotto), uvetta, cioccolato, noci, caffè e mollica di pane, ma esistono anche varianti che aggiungono i canditi e i fichi secchi. Questa è la ricetta della mia famiglia di acquisizione e oggi ve la racconto.

Cavallucci Marchigiani
Cavallucci Marchigiani
Preparazione dei Cavallucci Marchigiani
Preparazione dei Cavallucci Marchigiani

Cavallucci Marchigiani.

Dosi: circa 50 cavallucci

Tempi di preparazione:   3 ore

Tempi di cottura: 30 minuti a teglia

Ingredienti per frolla:

  • 2 kg di farina 00
  • 2 bicchieri di vino bianco fermo
  • 2 bicchieri di olio di semi
  • 2 bicchieri di zucchero semolato
  • buccia di un-arancia
  • buccia di un limone
Ingredienti per ripieno:
  • 500 ml di sapa
  • 30 g di cacao amaro
  • 30 g di cacao zuccherato
  • 100 g di uvetta
  • 150 g di zucchero semolato
  • 2 tazzine di caffè
  • 50 g di cioccolato fondente
  • 30 g di mandorle
  • 30 g di noci
  • 50 g di pan grattato
facoltativo per decorare:
  • zucchero a velo q.b.
  • zucchero semolato e alchermes q.b.
Procedimento:
Iniziare a preparare i Cavallucci dal ripieno, potete prepararlo anche due giorni prima per far amalgamare meglio gli ingredienti. Mettiamo in ammollo l’uvetta con la sapa. A parte tritiamo le noci e le mandorle, mettiamo il tutto in una ciotola e uniamo lo zucchero, il cacao amaro e quello zuccherato, il cioccolato sciolto a bagno maria, il caffè precedentemente preparato e fatto raffreddare, il pan grattato e la sapa con l’uvetta. Mescoliamo il tutto in una terrina e lasciamo riposare in frigorifero per un giorno. Iniziare a preparare l’impasto: fate bollire in un pentolino lo zucchero, il vino,l’olio con le bucce dell’arancia e del limone.
Fate bollire per 15/20 minuti a fuoco medio. Fate raffreddare. In una ciotola setacciate la farina, iniziate mettendone un chilo, a filo aggiungete il composto di liquidi (eliminate prima le bucce) e amalgamate gli ingredienti. Piano piano aggiungete altra farina, siccome dovrete terminare tutto il composto liquido se serve aggiungete altra farina, non deve appiccicare alle mani. Passate a lavorare l’impasto su una spianatoia per una decina di minuti.
Lavoriamo l’impasto per dieci minuti, dopo di che lo stendiamo e prepariamo dei rettangoli di qualche millimetro di altezza. In ogni rettangolo mettete circa un cucchiaio di ripieno, distribuitelo per lunghezza non avvicinandovi troppo ai bordi. Chiudiamo bene i rettangoli dandogli la forma di un cavalluccio, chiudiamo i bordi con una forchetta o con una rotella apposita. Prima di infornare, realizziamo dei tagli con le forbici sopra i cavallucci.
Prendiamo una teglia ed inforniamo a 180° per 20/25 minuti. Non appena sfornati potete lasciarli senza nulla, come piace a noi, oppure spolverare con lo zucchero a velo o metterci l’alchermes e lo zucchero semolato.
Potete gustarvi i Cavallucci con una buona tazza di tè.
Se ti è piaciuta la mia ricetta vienimi a trovare su Facebook! O se preferisci mi trovi anche suInstagram! Potremmo conoscerci e condividere la nostra passione! Ti aspetto

2 commenti

  1. A Bagnoregio, in provincia di Viterbo, si fa un dolce simile del quale vado particolarmente ghiotta. Si chiamano “torcijoni” perché la sfoglia si fa lunga e stretta e una volta chiusa si arrotola a chiocciola…in dialetto “si intorcina” da cui il nome.

Leave a Response