Sponsorizzazioni

Gelo di anguria

Il gelo di anguria o gelo di melone è un dolce al cucchiaio siciliano, fresco e facile da preparare.

Forse inventato durante la dominazione araba in Sicilia il gelo di anguria è molto popolare proprio a Palermo, dove viene chiamato spesso “gelo di mellone” per via di una italianizzazione del termine dialettale muluni, che i siciliani usano per indicare appunto l’anguria. Nel capoluogo siciliano il gelo di anguria riveste in particolar modo il ruolo di dolce tradizionale della Festa di Santa Rosalia, patrona della città.

Ero parecchio curiosa di assaggiarlo in quanto per me marchigiana è una ricetta nuova e insolita ma con questo caldo tutto quello che rinfresca è ben accetto.

Se ti è piaciuta la mia ricetta vienimi a trovare su Facebook! O se preferisci mi trovi anche su Instagram  o su pinterest Potremmo conoscerci e condividere la nostra passione! Ti aspetto anche nel mio gruppo “Il gruppo di cibo che passione

Gelo di anguria

Dosi: 6 coppette

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Tempo di riposo: 4 ore

Ingredienti:

  • 1 kg di polpa di anguria
  • 70 g di amido di mais
  • 100 g di zucchero semolato
  • un pizzico di cannella
  • pistacchi q.b. per decorare

 

Procedimento:

Iniziare a preparare il Gelo di anguria. Come prima cosa dovete preparare l’anguria: eliminare la buccia e i semi. Io ho tagliato a pezzi grossolani e passato nel passaverdura così polpa e semi venivano eliminati in superficie. Versare il succo in una pentola e mettere a scaldare con l’amido e lo zucchero. Mescolare gli ingredienti (se si formano dei grumi passare con il mixer), portare a bollore e addensare 5-6 minuti, mescolando con un cucchiaio di legno.

Aggiungere la cannella a fuoco spento e continuare a mescolare così che questo ultimo ingrediente si incorpori perfettamente agli altri. Lasciare il composto del gelo di anguria da parte a freddare.

Appena freddo trasferirlo in piccole coppette che utilizzerete poi per servire il vostro dolce e mettere in frigorifero a riposare per circa 4 ore così che si compatti. Prima di servirle aggiungere dei pistacchi tritati grossolanamente.

 

Leave a Response