Sponsorizzazioni

Tipologie di mele…

È risaputo, le mele fanno bene alla salute: sono senza grassi, la loro buccia contiene la pectina, una fibra solubile che tiene sotto controllo la glicemia.

Come tutti ben sappiamo esistono tantissimi varietà di mele: Royal Gala, la mela cotogna, la Smith,  le Renette , la Stark… solo per citarne alcune. Ottime da mangiare così come merenda o a fine pasto: ce ne sono di croccanti o no, farinose e non, e a voi quale piacciono da mangiare così a crudo?

Poi con le mele si possono preparare tantissime ricette dalle dolce (infinite, dalla più amata torta di mele della nonna) a tantissime ricette salate. Ma sapete quale qualità di mela è meglio usare in ogni ricetta?

Ho pensato a una mini guida per voi, per aiutarvi nella scelta della mela perfetta per il dolce perfetto!

Tantissime idee da preparare le trovate in questo album.

Se ti è piaciuta la mia ricetta vienimi a trovare su Facebook! O se preferisci mi trovi anche su Instagram  o su pinterest Potremmo conoscerci e condividere la nostra passione! Ti aspetto anche nel mio gruppo “Il gruppo di cibo che passione

Tipologie di mele.

Royal Gala.

Royal Gala

È una mela succosa e dolce, che si consuma cruda. Ideale nelle macedonie e nei centrifugati. Si coltivano principalmente sulle montagne del Trentino ed hanno origine in Nuova Zelanda. La buccia si presenta rossa striata su sfondo verde, liscia e cerosa, invece la polpa è di consistenza variabile: passa da croccante e succosa a pastosa e morbida.

Mela cotogna.

Mela cotogna

La mela cotogna è un frutto dalle mille proprietà che si raccoglie in autunno. Viene utilizzata principalmente da cotta, è un frutto indicato alla preparazione di confetture e gelatine da tenere in dispensa fino all’anno dopo.

Granny Smith.

Granny Smith

La Granny Smith è una mela verde molto succosa, ma poco zuccherina. Non è adatta ai dolci. E’ dissetante e fresca, ed è adatta prevalentemente alle ricette salate, in particolar modo alle insalatone. Questa varietà di mele, viene coltivata in valtellina e trentino alto-adige ed ha origini Australiane. La polpa è soda, compatta e croccante ed il gusto è prevalentemente dolce con qualche tono acidulo.

Renetta. 

Renetta

La mela Renetta ha un gusto acidulo ed è perfetta per i dolci perché in cottura perde questa nota acida e diventa molto succosa e dolce. In inverno si usa per preparare i dolci da forno, come torte di mele, crostate, strudel. Invece in primavera ideale per frullati e succhi.

Questa è una tipologia di mela molto particolare, dalla forma leggermente irregolare e dal colore giallo-verde, è coltivata in Val di Non ed ha origini canadesi. Ha una buccia molto ruvida e a tratti rugginosa ed un gusto unico: saporito, ma non particolarmente dolce. La polpa è poco croccante e poco succosa ma è ricchissima di quegli antiossidanti naturali chiamati polifenoli, per questo è una varietà molto ricercata. Attenzione: è bene sbucciarla all’ultimo minuto perché si ossida in fretta.

Stark delicious.

Stark Delicious

La Stark Delicious ovvero la mela di Biancaneve è di un colore rosso brillante, succosa, dolce e profumata. L’unico difetto? Alle volte risulta un po’ farinosa, l’ideale è conservarla in frigorifero.

Ottima nelle torte ma anche per lo strudel.

Mela Golden.

Mela Golden

La mela Golden è la mela per eccellenza, una delle più comuni, ha una buccia spessa, ma è molto profumata e succosa. Questa tipologia di mela resiste per molto tempo senza rovinarsi, se mantenuta in un luogo fresco. Una mela molto versatile, ottima da essere addentata e mangiata cruda se no ideale per le classiche torte di mele. 

Coltivata in trentino, in Val di Non ed in Val d’Aosta, ha origine negli Stati Uniti d’America. La buccia è gialla con qualche sfumatura rossa, ed è tempestata di puntini marroni.

 

Annurca.

Annurca

La mela Annurca è riconosciuta con il marchio IGP ed è originaria dell’Italia centro-meridionale, in particolare della Campania in cui è impiegata nei dolci e in un liquore tipico. Questa mela si riconosce per la buccia color rosso vinoso, il profumo molto intenso e per la polpa croccante, leggermente acidula e succosa.

Rosa dei Sibillini. 

Rosa dei Sibillini

Non potevo non parlarvi anche di una qualità della mia regione.

La Mela rosa dei Monti Sibillini, nota anche come mela rosa marchigiana, appartiene alla varietà di mela domestica della famiglia delle Rosacee. Questa qualità viene coltivata in altitudine quindi è presente prevalentemente nel versante dei Monti Sibillini. Secondo i ricercatori, ha preservato le caratteristiche della mela selvatica primordiale. Sono mele composte da una polpa acidula e zuccherina e dal profumo intenso ed aromatico. Ottima nei risotti.

 

Pink Lady.

 

Si presenta con delle sfumature rosse, da cui il nome, ed è una mela molto zuccherina. Passata in forno con una spolverata di zucchero di canna e un po’ di cannella si trasforma velocemente in un dolce niente male.

 

Leave a Response